Articoli di Anna Mara Santoro

BIENNALE DI VENEZIA


Logo ufficiale della Biennale d'Arte, tratto dalla cartella stampa






Biennale di Venezia 2022

59ª Esposizione  

Il latte dei sogni

La laguna di Venezia viene incontro in Via della Libertà nel punto in cui la strada si stacca improvvisa dalla terraferma. E’ tanta la sua bellezza a cui si aggiunte, nel labirinto di calli e di campielli tra i canali, la bellezza di una Biennale d’Arte che, quest’anno, ha un titolo che rimanda all’Inconscio: Il latte dei sogni.

     M. Shoukry, W. El Masry, A. El Shaer, Eden-Like Garden



Biennale di Venezia 2022 Padiglione della Repubblica di San Marino  

59ª Esposizione                     

Il latte dei sogni

Postumano Metamorfico è al Padiglione della Repubblica di San Marino, tra le ottanta partecipazioni nazionali della Biennale d'Arte di Venezia 2022, a Fondamenta Nove Cannaregio, nel Palazzo Donà Dalle Rose


Postumano Metamorfico


A Venezia dopo la Vernice della Biennale 2019 

58ª Esposizione 

My you live in interesting times 

Dopo i giorni della Vernice a maggio, la folla estiva che arriva a Venezia non visita soltanto i luoghi della Biennale ma si dissemina per tutta la città sicché si crede, o ci si illude di credere, di poter vedere le mostre d’arte senza calca e in tempi che non hanno necessità di essere misurati.

Sean Scully, Opulent ascension
                           

Biennale di Venezia 2019 

58ª Esposizione 

My you live in interesting times

All’alba Venezia è ancora addormentata. Il vento e la pioggia la sfiancano e i campielli sono nudi di folla. La città sembra emersa "dall’acqua, come al tocco di una bacchetta di un mago" scriveva Lord Byron, e il desiderio di possedere la sua grazia diventa un obbligo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Idan Zareski, Babyfoot XL



57ª Esposizione 

Viva Arte Viva 

E' l'alba. La nebbia imbianca Venezia di solitudine. Fa freddo. Sul vaporetto si è costretti a ripararsi sottocoperta dove lo sguardo non può spaziare e si fa strada, basso, tra i riflessi dei palazzi che paiono sostanze materiali sopra lo specchio d'acqua


Grisha Bruskin, Theatrum Orbis, particolare

                                                                                

Biennale di Venezia 2015  

56ª Esposizione 

All The World's futures  

Leggera si posa sull'acqua. A camminarci dentro, Venezia addomestica la mente e la adatta a un conforto che nella culla dei sogni respinge l'insidia dei pensieri troppo esigui.

                                                              Bruce Nauman, Uman Nature/Life Death/Know Doesn't Know


Biennale di Venezia 2013 

55ª Esposizione

Il Palazzo enciclopedico

Oltre i limiti dei binari il selciato è ancora umido dopo la pioggia. Tra le voci incomprensibili e spezzate che risuonano dal piazzale della stazione ferroviaria, il viavai dei battelli preannuncia immagini di un paradiso piantato tutt'intorno in nome dell'arte, per affrancare dalle inquietudini il desiderio di verità.                                                  

                                                                                                                                   Morton Bartlett, senza titolo


Biennale di Venezia 2011

54ª Esposizione 

ILLUMInazioni 

Un mattino dall'aria salmastra. Lontana, la distesa dell'acqua solcata, un tempo, dallo spirito d'avventura degli antichi naviganti sulle vie della seta, sconfinata, oggi, come i luoghi della fantasia e baluginata come il senso dell'arte


Monica Bonvicini, Steps To The Virgin


53ª Esposizione 

Fare mondi  

Dall'alto di un aereo o dal finestrino di un treno in corsa, il paesaggio veneto ricorda il susseguirsi delle opere d'arte in un museo: antichi casolari che rammentano le campiture di Cézanne; distese d'acqua simili alle cromie di Monet; filari allineati come i segni di Balla.                                                                                               

                                                                                                              

                                                                                                                               Caffetteria curata da Tobias Rehberger


Make a free website with Yola